/>

7 gennaio 2012

Fimo liquid e bollicine...Tutorial

Questo post lo dedico a tutte quelle persone che si sono accostate al FIMO, principianti e NON...
Si tratta di un tutorial in cui vi farò vedere come realizzare una targhetta col fimo liquid e sopratutto il motivo di quelle fastidiosissime bollicine che a volte si creano sulla superficie.
Ma prima vi spiego perchè ho deciso di fare questo tutorial. Il motivo è che sono un pò infastidita.. Sì, avete letto bene, infastidita perchè come sapete ho scoperto il fimo da un paio di mesi.. Sono autodidatta, cioè ho cercato on-line informazioni, tecniche, foto, video, tutorial.. Ho studiato un pò prima di cimentarmi con le paste polimeriche, per avere un minimo di conoscenza.. Ho chiesto, domandato tecniche, consigli, suggerimenti...
Ma è per una questione in particolare che creo questo tutorial, e vi assicuro che ho domandato a un sacco di gente on-line senza ricevere alcuna risposta.. In pochi si sono azzardati a rispondermi e secondo me anche fuorviandomi un pò senza eccedere nelle ulteriori spiegazioni da me eventualmente richieste... Non so il motivo.. Ma trovo che nel mondo del fimo (e non solo del fimo) ci sia talmente tanta concorrenza che la maggior parte delle ragazze che magari conoscono un pò più a fondo alcune delle tecniche di lavorazione, bè preferiscono tenersi queste tecniche per sè... Forse hanno davvero paura che vengano a formarsi delle concorrenti più brave, ma io lo trovo davvero fastidioso...
Per di più per non aver ricevuto informazioni un pò più dettagliate non so quanto fimo liquid ho sprecato nei miei, da persona testarda quale sono, numerosissimi tentativi..
E sapete quanto costa una boccetta da 50ml di fimo liquid??
Dai 7,00 agli 8,00 €...
Ecco il motivo di questo mio tutorial: la prossima volta che una ragazza, come ho fatto io, cerca su google "FIMO LIQUID e bollicine", spero che gli si aprirà questo mio post grazie al quale troverà le risposte di cui ha bisogno...

Per cominciare serve:
  1. Fimo liquid;
  2. cartoncino;
  3. stampante;
  4. fornetto elettrico (mi raccomando non quello di casa dove in genere cucinate!! Ci sono pareri discordanti in merito, ma ho letto che se la creazione dovesse bruciarsi, i fumi e gli odori che emana sono tossici, quindi è preferibile un fornetto a parte, da usare solo ed esclusivamente a questo scopo);
  5. 1 panetto di fimo del colore desiderato;
  6. l'immagine da stampare che sarà il soggetto della targhetta che andremo a creare.
Partiamo:
  • Innanzitutto dovete stampare l'immagine che avete scelto su cartoncino. Io preferisco usare, anzichè i normali fogli di carta che in genere si usano per stampanti domestiche, dei fogli leggermente più spessi, di modo che, una volta cosparsi di fimo liquid, questi, a causa del calore del forno, non si inarchino.
  • Una volta stampata l'immagine delle dimensioni che preferite, ritagliatela nella forma che più vi piace.
  • Versate sull'immagine del fimo liquid, senza esagerare.
  • Con un dito, delicatamente, cospargete tutta l'area fino sui bordi.
  • Aspettate 2 minuti. Il fimo si auto-livella, dopodichè posate l'immagine su della carta da forno, a sua volta su una teglia e poi infornate.
  • ATTENZIONE! ECCO IL SEGRETO PER NON FAR VENIRE QUELLE FASTIDIOSISSIME BOLLICINE IN SUPERFICIE: Sul tubetto di fimo liquid c'è scritto che deve cuocere 20 minuti a 130° C. 
Ma I FORNI NON SONO TUTTI UGUALI!! Nel mio caso a 130° mi si bruciava tutto!! Ma anche a 120° e a 110°... ECCO QUAL E' IL MOTIVO DELLE BOLLICINE!!! QUANDO, DURANTE LA COTTURA, NEL FIMO LIQUID CI VENGONO TUTTE QUELLE BOLLICINE SIGNIFICA CHE LA TEMPERATURA DEL FORNO E' TROPPO ELEVATA!! ( A 130° addirittura mi si carbonizzava!!) E non sapete quante prove e tentativi ho dovuto fare per trovare la temperatura ideale del mio fornetto!!! Quindi vi consiglio di fare qualche prova. Addirittura ho provato anche a fare tipo 120° per 15 min, ma le fatidiche bollicine mi ci venivano lo stesso!! Per il mio fornetto la temperatura ideale è 90/100°C per 20 minuti. Vi consiglio di tenere d'occhio l'immagine mentre cuoce!
  • Una volta sfornato il tutto lasciate raffreddare e mentre aspettate che si raffreddi prendete un pò di fimo dal panetto del colore che avete scelto e stendetene un pò su della carta da forno. Altro consiglio: non stendete eccessivamente la pasta altrimenti sarà troppo fina e con la cottura tenderà ad incurvarsi!
  • Poggiate sulla sfoglia l'immagine che nel frattempo si è raffreddata e ritagliate la pasta in eccesso.
  • Applicate un goccio di fimo liquid sulla sfoglia e fateci aderire l'immagine. Questo farà da collante.
  • Con la pasta di scarto formate 2 serpentelli. Uniteli insieme e arrotolateli. La spirale che otterrete farà da contorno al medaglione. Ricordatevi di farci un piccolo foro con uno stuzzicadenti in cima, così da poter aggiungerci una catenella per formare un portachiavi!!
  • Mettete il tutto di nuovo in forno. Le istruzioni sul panetto di fimo indicano 110°C per 20 minuti. Anche in questo caso per il mio fornetto preferisco calare a 100°C. Una volta sfornato il medaglione e lasciato raffreddare, passate, con un pennellino, 1 o 2 mani di vernice ad acqua.
 Spero che il mio tutorial vi sia piaciuto ma sopratutto spero di aiutare chi, come me, ha trovato qualche difficoltà con l'uso di queste paste polimeriche.. Di seguito il video con le immagini!!


Ciao ciao e a presto!